vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Benvenuti | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Articoli

Ricerca

Data
Date
Date

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Vacanze in campagna: la proposta mantovana

La Cervetta,
Ultimo aggiornamento: 28 maggio 2017


L 'agriturismo nel mantovano è ormai una realtà. Sulle prospettive di un possibile sviluppo, Fabrizio De Vincenzi, Presidente dell' Associazione Guide Turistiche, traccia un quadro completo confortato dal parere di Zecchini e Sordelli, due funzionari dell' Amministrazione Provinciale di Mantova.

È passato poco meno di un anno dalla presentazione ufficiale alla stampa nazionale ed estera delle cinque aziende mantovane che, nel 1984, offrivano ospitalità con la formula dell' agriturismo a chi desiderava fare una vacanza in campagna. Villa Schiarino-Lena, una di queste aziende, ha tenuto a battesimo questa nuova proposta turistica nata dall' impegno comune dell' Ente Provinciale per il turismo con l' Amministrazione Provinciale e con il coinvolgimento, in fase di indagine e definizione dell' iniziativa, delle maggiori organizzazioni agricole. Ha dunque camminato l'idea dell' agriturismo nelle nostre campagne? I turisti sono arrivati? La promozione è stata efficace? Esaminando oggi i dati raccolti è possibile dare, con sicurezza e legittima soddisfazione, risposta affermativa a queste domande. L' agriturismo, nella nostra terra, è in fase di graduale sviluppo ma ciò che è accaduto nel 1984 nelle aziende interessate è degno di particolare interesse perchè può portare a riflessioni attive sulle tematiche del nuovo modo di fare vacanza e sull'uso intelligente ma non per questo meno interessante e divertente del tempo libero. Esaminiamo i risultati dell' agriturismo nel nostro territorio così come emergono dai dati delle aziende. A villa Schiarino-Lena, questo straordinario palazzo cinquecentesco, a pochi km dalla città, i turisti si sono avvicendati ininterrottamente dal 1° luglio al 3 novembre del 1984. Questi ospiti, dalle tipologie più diverse, hanno beneficiato degli ambienti adattati nel complesso della villa, che comprende una tipica corte padana ricca di grandi arcate e di profondi porticati. I turisti italiani hanno preferito la formula del Week-end che ha consentito loro l' escursione a Mantova e la possibilità poi di rifugiarsi nella quiete della campagna circostante, lontani dai ritmi metropolitani. Vi è stata inoltre una nutrita presenza di inglesi che hanno occupato i tre appartamenti per quasi tutta la stagione agrituristica. Hanno scelto villa Schiarino-Lena anche alcuni tedeschi. I signori Lena si sono dichiarati soddisfatti e, dopo averci informati che la villa nel 1985 apre dal 1° marzo fino al 30 novembre, hanno manifestato il desiderio di attrezzarsi sempre di più dotandosi possibilmente di una piscina. L 'azienda Baghina, in un ambiente naturale ricco di cultura e tradizioni, ha ospitato più di trenta persone nell' appartamento attiguo alla casa colonica, per vari periodi della stagione autunnale-estiva. S. Benedetto, con il complesso polironiano e le relative strutture museali, è stata la meta preferita degli agrituristi che, interpretando fedelmente lo spirito della vacanza in campagna, se ne sono andati liberamente un po' dovunque richiamati dal fascino del Po che scorre vicino. Nel cuore della valle del Mincio, l'azienda Feniletto di Rodigo ha ospitato, per quasi tutto il mese di agosto, una famiglia. Anche alla Torre del Gattazzo, presso Motteggiana, una torretta esagonale a tre piani in riva al Po, si sono registrate presenze; così come nell'azienda «La Motta» di Torre d'Oglio. Quindi più di un centinaio di persone (comprese le altre trenta ospitate a Villa Schiarino) hanno fatto agriturismo nella nostra provincia, in vari periodi, diversamente distribuiti fra le varie aziende. Si tratta di un dato positivo poiché l'esperienza del fenomeno agrituristico è particolare in quanto ha una crescita molto lenta. Nel nostro caso, e ricordo che si tratta di una zona che non sembrerebbe in grado di competere con gli ambienti naturalmente vocati all' agriturismo come la campagna toscana e le montagne trentine, l'afflusso turistico è molto incoraggiante poichè non esisteva alcuna tradizione e si pensava che l' agricoltura ricca difficilmente avrebbe suscitato l' interesse turistico. In realtà la straordinaria simbiosi di natura, arte, lavoro e tradizioni che caratterizza la nostra terra è la ragione prima di questo successo legato peraltro ad una attenta campagna promozionale gestita in prima persona dalla struttura dell' E.P.T. che ha voluto fermamente inserire nell' offerta turistica complessiva mantovana questa proposta, nella serena certezza che sarebbe stata vincente. L 'agriturismo è, d'altra parte, un fatto europeo con un'offerta totale di 800.000 posti. In Gran Bretagna 400 fattorie offrono accoglienza mentre in Germania ci sono 3000 alloggi agrituristici, con molte iniziative collaterali interessanti da studiare per verificarne la fattibilità in Italia e, perchè no, proprio a Mantova. Cito gli itinerari a cavallo o in diligenza, i soggiorni per i naturisti, i corsi di artigianato. È in Francia comunque che l'agriturismo tocca i livelli più alti di diversificazione con gli alloggi indipendenti, le camere per ospiti in fattoria, i piccoli alberghi e le pensioni rurali, le dimore prestigiose. In Italia, nel 1984, sono stati messi a disposizione circa 30.000 posti-letto con 5000 aziende interessate, il tutto a prezzi molto interessanti. Il giro di affari è stato dell' ordine di alcuni miliardi per i soli soggiorni. È una cifra destinata a sicura ascesa per la convenienza offerta dall' ospitalità rurale. Tornando un momento alla nostra situazione locale e ponendoci il problema di come intervenire per operare ancor meglio nel 1985, si è arrivati a definire, da parte dell' E.P.T. , una serie di ipotesi di lavoro che riassumo: - attivazione del già esistente gruppo di lavoro sull'agriturismo sui temi di sviluppo del fenomeno e sulla ricerca di nuove fattorie; - promozione adeguata e intelligente, sulla falsariga dell' ottimo lavoro svolto nel 1984; - progetto di formazione per agricoltori dediti all' agriturismo per superare le condizioni attuali di parziale spontaneismo e per realizzare una situazione più organica e stabile. I contenuti di questa auspicabile azione formativa riguarderanno l' aspetto economico della professionalità coltivatrice, l' utilizzo della forza-lavoro, la merceologia, l' associazionismo, la cultura, il ruolo delle donne e dei giovani nell' agriturismo. E con la certezza che il lavoro procede alacre ci auguriamo che l'agriturismo si sviluppi sempre di più per le migliori fortune del nostro turismo.

di FABRIZIO DE VINCENZI



Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo articolo? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 
Itinerari
Terre di Mantova

Terre di Mantova, una provincia dalle radici secolari
Proposte di itinerari di visita varia dai due ai quattro giorni tra le ...

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

ciclabile in località Pozzolo

La pista ciclabile Mantova-Peschiera
Tragitto di media lunghezza senza particolari difficoltà, con alcuni ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!