vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Articoli

Ricerca

Data
Date
Date

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Il tempo sospeso

MOGLIA, Il tempo sospeso
Ultimo aggiornamento: 06 dicembre 2019


“IL TEMPO SOSPESO”. PRESENTATO IL PROGETTO PER NON DIMENTICARE IL SISMA DEL 2012 A MOGLIA 


Una raccolta di materiali documentali che la popolazione locale ha prodotto in quei giorni e un cortometraggio, studiato e progettato dagli studenti delle scuole primarie e secondarie di Moglia, che avrà come protagonisti i cittadini testimoni del sisma del 2012 al fine di creare un Museo del terremoto.


Sono queste le azioni principali del progetto “Il tempo sospeso” che ha lo scopo di raccontare l’estate del sisma 2012 nell’ambito della memoria collettiva, come momento che ha radicalmente cambiato la vita di un territorio e della sua gente.


Ideato dal Comune di Moglia, finanziato da Regione Lombardia e con la partnership delle associazioni locali Pro Loco e Moglia punto a capo, il progetto si rivolge alla popolazione locale in particolare, ma alla popolazione lombarda in generale, in ragione della vasta partecipazione istituzionale e civica manifestata dall’intera Regione Lombardia in seguito al sisma.


Il cortometraggio, dal titolo “Il tempo sospeso. Il terremoto memoria collettiva dei cittadini di Moglia”, verrà appunto studiato e co – progettato con gli studenti del territorio coi quali sarà condiviso un percorso di creazione della sceneggiatura, dello storyboard.


La realizzazione avverrà con incontri sul territorio con la popolazione locale, raccogliendo testimonianze delle giornate del sisma. Un racconto dedicato ai momenti, alle sensazioni, alle emozioni e quindi al rapporto con gli altri e con il territorio a testimonianza della fortissima solidarietà e capacità di ricostruzione che, grazie all’aiuto di istituzioni, associazioni di volontariato, imprese e cittadini ha portato al territorio una nuova dimensione di vita.


Per moltiplicarne l’azione di diffusione ed intercettare le nuove generazioni, inoltre, è prevista la costruzione di apposito materiale per effettuare selfie con l’hashtag #nontremopiù.


Ma le giornate del sisma, e più in generale i mesi che hanno caratterizzato l’estate 2012, hanno visto una vasta produzione di foto e video realizzati dalla popolazione locale. Verranno quindi catalogati i materiali in possesso dei cittadini di Moglia da mettere successivamente a disposizione della comunità come documentazione utile alla creazione del Museo del Terremoto.


Saranno inoltre raccolte circa 100 testimonianze video che andranno ad alimentare un canale Youtube che verrà appositamente attivato ed indicizzato con parole chiave per permettere un’ampia fruizione e condivisione dei contenuti.


Il tempo sospeso” ha lo scopo di trasmettere la memoria della condivisione di un’esperienza collettiva attraverso la realizzazione di format specifici nelle realtà di Regione Lombardia, nei territori e soggetti istituzionali e associativi, che hanno manifestato il proprio sostegno alla popolazione di Moglia. 


CONTESTO


Nella primavera 2012 l’intera aera dell’Oltrepo mantovano è stata colpita da un pesante sisma, le cui conseguenze sono tangibili ancora oggi. Gli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 hanno prodotto danni ingenti al patrimonio edilizio abitativo e produttivo dei comuni interessati e hanno comportato l’evacuazione di un elevato numero di persone. I danni più rilevanti si sono registrati in 15 comuni (il cosiddetto “cratere”). Il Comune di Moglia ha registrato danni materiali significativi e determinato lo sfollamento di 800 persone su un totale di 5.900 abitanti. Accanto a questi danni di carattere materiale vi sono state ferite che hanno interessato il piano dei valori e dell’identità: i luoghi simbolici delle comunità come le chiese e gli spazi pubblici non sono ancora oggi fruibili. Il patrimonio pubblico e privato è infatti stato fortemente danneggiato e reso inagibile, lo stesso assetto del territorio e la distribuzione delle funzioni e delle destinazioni d’uso di aree e edifici hanno subito molte modificazioni nel tempo. Si tratta di fattori che hanno pesato significativamente anche sulla dimensione relazionale della comunità di Moglia.



Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo articolo? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 
 
Itinerari
RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana

Ora et Labora
"Montecassino del Nord", "Cluny lombarda": due modi per definire lo ...

Sabbioneta, la città del pensiero

Sabbioneta, gli argini circondariali
opera idraulica iniziata nel XII secolo

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Cookie Policy | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!