vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Benvenuti | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Articoli

Ricerca

Data
Date
Date

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Girondi "Cinquanta"

Opera di Girondi
Ultimo aggiornamento: 23 giugno 2017


La Provincia di Mantova con la rassegna dedicata a Franco Girondi, allestita alla Casa del Mantegna, approfondisce e mette a fuoco un percorso estetico di un importante pittore mantovano. Si realizza così un dovuto omaggio a un artista che ha offerto nei propri quadri la serietà e la capacità virtuosistica con cui l’artista ha praticato, per cinquant’anni e più, l’esercizio della pittura.
Nel 2017, infatti, l’attività artistica di Franco Girondi (classe 1946) compie cinquant’anni. Dopo alcune prove, che riportano date precocissime al 1963, arriva la produzione consapevole che data a cominciare dal 1967. Cinquant’anni densi, che attraversano il secondo Novecento e approdano alla contemporaneità del XXI secolo. La Casa del Mantegna, con la mostra "Girondi Cinquanta", diventa quindi il luogo della riflessione su mezzo secolo di vita artistica di Girondi e, attraverso la sua opera, anche di rilettura di un periodo complesso dell’arte italiana, che prende le mosse dallo sperimentalismo della materia fino ad approdare al concettuale della post figurazione.
Franco Girondi ha ben chiaro, fin dalle prime sue prove giovanili, il progetto di diventare un pittore. Perché scopre da subito, nel percorso dell'arte, la possibilità di provare (e far provare) un mix di felicità e di esaltazione, di piacere e di sgomento, di gratificazione e di panico, di riscatto e di poesia, scopre che, per l'artista, i cieli della pittura sono immensi come le volte delle notti stellate e che, per l'artista, ogni inevitabile smarrimento di fronte al mondo è riscattato da uno sguardo colmo di meraviglia, che gli permette di scoprire bellezze nascoste ai più. Comprende, infine, che la pittura può dare un senso all'umana fragilità. E così da subito lo sguardo e la mano dell’autore cominciano a creare un distillato di idee che coniugano il silenzioso rumore della pittura con il prepotente fascino delle emozioni emergenti dalla tela. Nascono significanti cromatici che si calano in strutture segniche, in strati polisemantici che moltiplicano i messaggi non verbali.
Viene riconosciuto oggi, nei lavori recenti di Franco Girondi, l'ispirazione di quel giovane pittore (anche, ovviamente, poeta) che si interrogava fin dall'inizio sulle diatribe tra luce e oscurità, tra dire e intuire, tra dubbi e scelte. E, allo stesso tempo, sono comparsi davanti agli occhi gli esiti della sua recente pittura, che pare immersa nella stessa delicata sensibilità originaria del giovane che si affacciava all’arte. Una pittura che porta la gioia della vita e del viaggio, che lega le linee sfuggenti di un’inquietudine sempre presente e pressante, caratteristica di chi è preso da un'ansia espressiva da soddisfare, o di chi ha una moneta d’oro in tasca che non sa ancora spendere.


Gianfranco Ferlisi


FRANCO GIRONDI è nato nel 1946. I primi esperimenti di pittura risalgono al 1963 e furono incentivati da un amico di famiglia: il gallerista milanese Silvano Falchi della Galleria Blu. Nei decenni successivi l’arte di Girondi tocca materiali e tecniche diverse – collage, assemblaggi e sovrapposizioni di stoffe, legni, carte, sabbia, pizzi antichi, sete – attraverso un processo di purificazione della materia. Negli anni 2000 la ricerca formale di Girondi si è concentrata sul dato pittorico, indagando forme e colori quali voci proprie della trascendenza che l’artista deve recepire mettendosi in ascolto, in dialogo con le proprie opere. Negli ultimi anni, è tornato a realizzare anche collage polimaterici, spesso con rimandi a città del mondo.
Franco Girondi ha esposto in numerose rassegne personali e collettive in Italia e all’estero. Tra tutte si ricorda la mostra antologica Girondi 1967-1997 allestita nel Palazzo Ducale di Mantova.


www.francogirondi.it 


GIRONDI CINQUANTA
1967-2017
Casa del Mantegna, Mantova 9 giugno-9 luglio 2017
Inaugurazione venerdì 9 giugno, ore 18.00
catalogo con testi critici di Gianfranco Ferlisi, edito da Il Rio
ORARI DI APERTURA
da mercoledì a domenica: 10-12.30/15-18
Ingresso libero
Incontro di finissage con l’artista venerdì 23 giugno, ore 18.00
Informazioni: tel. +39 0376 360506 -  +39 0376 432432
fax +39 0376 326685  -fax +39 0376 432433mail: casadelmantegna@provincia.mantova.it - info@turismo.mantova.it - www.casadelmantegna.it - www.turismo.mantova.it



Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo articolo? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 
Itinerari
Terre di Mantova

Terre di Mantova, una provincia dalle radici secolari
Proposte di itinerari di visita varia dai due ai quattro giorni tra le ...

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

ciclabile in località Pozzolo

La pista ciclabile Mantova-Peschiera
Tragitto di media lunghezza senza particolari difficoltà, con alcuni ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!