vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Approfondimenti

Ricerca

Data
Date
Date

Elementi correlati

Mantova, semplicemente meravigliosa

Itinerario: Mantova semplicemente meravigliosa
Città dal fascino immutato nel tempo, atmosfera unica e ... >>>

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Mantova, Musica e poesia

Musica e Poesia
Ultimo aggiornamento: 19 settembre 2019



CITTA' DI MUSICA E POESIA


Era il 24 febbraio del 1607 quando in una sala di Palazzo Ducale il tenore Francesco Rasi intonava le prime note dell’Orfeo. L’opera di Claudio Monteverdi segna il passaggio dalla musica rinascimentale alla musica barocca ed è considerata il primo vero capolavoro della storia del melodramma. L’amore per la musica, profana e sacra, è da sempre fortissimo a Mantova. I Gonzaga furono mecenati dei più grandi musicisti, come il Palestrina che, per la Basilica di Santa Barbara, dotata dal duca Guglielmo del prodigioso organo dell’Antegnati, compose le famose nove Messe Mantovane. Anche il giovane Mozart, nel 1770, si esibì a Mantova nel Teatro Bibiena, che il padre Leopold descrisse così: “Oggi ho visto il teatro più bello del mondo”. Il legame tra i Gonzaga e la musica continua nel tempo, un po’ artificiosamente, quando Giuseppe Verdi, nel 1851, compone Il Rigoletto, opera lirica su libretto di Francesco Maria Piave ambientata nella corte mantovana. Nel settembre del 2010 la RAI ha trasmesso in diretta e in mondovisione il dramma verdiano, girato a Mantova, con Placido Domingo nel ruolo di Rigoletto e l’orchestra Sinfonica della RAI diretta dal maestro Zubin Mehta.


In campo letterario, Mantova diede i natali nel 70 a.C. a Virgilio, il più grande poeta della latinità, pilastro della cultura occidentale, che ricorda le sue origini all’inizio del celebre epitaffio Mantua me genuit. La statua di Virgilio in cattedra di epoca medievale sul Palazzo del Podestà, le effigi rinascimentali del vate, riproposto come modello di classicità, le titolazioni alla piazza, all’Accademia nell’Ottocento, nel Novecento il bosco e il monumento a lui dedicato, testimoniano l’amore della città per il sommo poeta. Mantovano fu anche il poeta Teofilo Folengo che inizia la sua produzione imitando i versi latini di Virgilio, diventando poi il massimo esponente della poesia maccheronica cinquecentesca 




Giudizio
Non è stata raggiunta la quantità minima di voti
Vuoi essere il primo a votare questo approfondimento? Effettua il login oppure registrati per poter esprimere il tuo giudizio. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 
 

Multimedia

Itinerari
RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana

Ora et Labora
"Montecassino del Nord", "Cluny lombarda": due modi per definire lo ...

Sabbioneta, la città del pensiero

Sabbioneta, gli argini circondariali
opera idraulica iniziata nel XII secolo

DA VEDERE DA GUSTARE

Mantova da Vedere e da Gustare
diverse iniziative per mostrare il proprio meraviglioso patrimonio ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Cookie Policy | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!