vai ai contenuti

Provincia di Mantova - Portale sul Turismo a Mantova

Home | Benvenuti | Rubriche | Crea il tuo viaggio | Cosa Fare | Vivere Mantova Dimensione Carattere: A | A | A
Home   >   Approfondimenti

Ricerca

Data
Date
Date

Elementi correlati

Immagini del festivaletteratura

Itinerario: Mantova da sfogliare
Dai parcheggi di porta Cerese o di viale Risorgimento, dove ... >>>

Mantova, semplicemente meravigliosa

Itinerario: Mantova semplicemente meravigliosa
Città dal fascino immutato nel tempo, atmosfera unica e ... >>>

Mantova dai mille volti

Itinerario: Mantova dai mille volti
Città antichissima che affonda le sue origini nell’età ... >>>

Foce Mincio, tramonto e bici

Itinerario: Mantova e i suoi fiumi
L’acqua è elemento caratterizzante del territorio ... >>>

Seguici su ...

Visit Mantova

Comunica con noi


Call center tel. +39 0376 432 432


info@turismo.mantova.it



HTML 4.01 Strict Valido!   CSS Valido!   Logo attestante il superamento, ai sensi della Legge n. 4-2004, della verifica tecnica di accessibilita'.

Splendori dei Gonzaga

MANTOVA, Piazza Sordello

Da semplici affittuari dei Benedettini del Polirone , a ricchissimi possidenti terrieri in quel di Gonzaga. Poi Capitani del popolo, Marchesi e Duchi di Mantova.
I Corradi da Gonzaga – i Gonzaga – per ben quattro secoli rimasero al potere a Mantova grazie ad un vero e proprio colpo di stato all’alba del 16 agosto 1328 a discapito di Rinaldo, l'ultimo dei Bonacolsi.
Favorevoli ad una attenta politica matrimoniale che li vedeva legati alla Repubblica di Venezia, a Ferrara, Milano, all’Imperatore, al Papato, si contraddistinsero per il loro accorto mecenatismo.
Per celebrare il prestigio economico e culturale della Signoria, che aveva esteso il potere in tutta la provincia, fino al Monferrato, furono chiamati nella favolosa reggia di Piazza Sordello personalità del calibro di Pisanello, Donatello, Vittorino da Feltre, Luca Fancelli, L.B. Alberti, Mantegna., Giulio Romano, Rubens.
Quando nel 1627 la linea primogenita si estinse, e la carestia mise la città in ginocchio, al duca Vincenzo II toccò vendere gran parte della celebre quadreria di famiglia a Carlo I Stuart, poi completamente dispersa dal sacco del 1629 –1630. In conseguenza al sacco ad opera dei Lanzichenecchi che devastò la città e suoi territori, per la Mantova splendida dei Gonzaga, flagellata dalla peste, fu la fine.
Ferdinando Carlo, ultimo duca, abbandonò la città rifugiandosi a Venezia nel 1707.



Giudizio
Questo è il giudizio degli utenti della Community
 
Star
Star
Star
Star
Starg

Iscriviti oppure accedi alla community per poter votare. Di la tua!

Ricerca Alloggi

 

Multimedia

529bd06666ec8979f2b3b99cafae50c6
Mantova, la città
Mantova, la città
Itinerari
Foce Mincio, tramonto e bici

Mantova e i suoi fiumi
L’acqua è elemento caratterizzante del territorio mantovano.

RIS_San Benedetto Po, abbazia polironiana

Ora et Labora
"Montecassino del Nord", "Cluny lombarda": due modi per definire lo ...

Crea il tuo viaggio

Image01

Crea il tuo viaggio

Home | Ricerca | Contatti | Come Arrivare | Numeri utili | Accessibilità | MANTOVA, ... da amare, da scoprire!